Chiesa di San Silvestro

Le cronache ci riportano che Vittore, figlio del doge Orso I Partecipazio, salito nell’884 al patriarcato di Grado, era sacerdote di S. Silvestro, ciò conferma che questa chiesa esisteva anche prima di quella data. Venne fondata dalla famiglia Giulia, ossia Andrearda, che con altre chiese filiali obbediva ai patriarchi di Grado, i quali posero la loro sede in un prossimo palazzo quando nel secolo XII furono costretti, dall’insalubrità della zona e lo spopolamento, ad abbandonare Grado, e ricoverarsi a Venezia. La chiesa di S. Silvestro si rifabbricò, come scrive il Cornaro, nel 1422, e nel 1485 vi si incorporò il prossimo oratorio degli Ognissanti, consacrato nel 1177 da papa Alessandro III. Ebbe un altro restauro nel secolo XVII, sennonché, minacciando nuovamente di cadere, fu quasi rialzata di pianta dal 1837 al 1843 sul disegno degli architetti Santi e Meduna, riaprendosi il 24 dicembre. Benché manchino documenti intorno all’istituzione della parrocchia, essa è certo molto antica, e forse contemporanea alla chiesa. Nel 1810 si allargò la sua periferia, aggiungendovi i circondari di S. Giovanni Elemosinario e di S. Matteo con parte di quelli di S. Apollinare e di S. Cassiano.

Alcuni hotel presenti in zona